Milano Abitare, oltre alle linee di intervento precedentemente esposte, gestisce per conto dell’Amministrazione Comunale di Milano il Fondo Salvasfratti. La finalità di questo contributo è di cercare di evitare l’esecuzione dello sfratto attraverso il risarcimento al proprietario delle morosità pregresse fino a un massimo di € 12.000.

Cosa è la morosità incolpevole

Per morosità incolpevole (vedi decreto ministeriale n. 202 del 14/5/2014) si intende l’impossibilità da parte dell’inquilino di pagare il canone di locazione per cause indipendenti dalla propria volontà, che comportino la perdita o consistente riduzione della capacità reddituale, (l’elenco completo delle cause previste è consultabile sul sito: www.comune.milano.it/bandomorosita).

A chi è rivolto

Inquilini che si trovano nella condizione di morosità incolpevole che siano o destinatari di atto di intimazione di sfratto non ancora convalidato, o nei confronti dei quali risulti emesso un provvedimento di rilascio esecutivo.

Come funziona

L’accesso al bando, le informazioni e i moduli per la presentazione della domanda sono disponibili sul sito del Comune di Milano(www.comune.milano.it/bandomorosita) e presso le sedi delle zone di decentramento dello stesso.

Le domande possono essere presentate esclusivamente presso il Settore Zona del Decentramento Cittadino del Comune di Milano dove il richiedente ha la propria residenza nei giorni e orari previsti dal Settore medesimo.

Dopo l’istruttoria da parte del Comune, gli interessati ritenuti idonei,  ai quali il Comune rilascia l’attestazione di morosità incolpevole, solo dopo aver raggiunto un accordo con il proprietario, dovranno presentarsi presso gli uffici di Milano Abitare, previo appuntamento da richiedersi tramite mail all’indirizzo: info@milanoabitare.org., per ottenere l’erogazione dei contributi previsti.

 

 

CONDIVIDI Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn