Aumenta l’IMU in molti comuni italiani ma non a Milano

Published on :

Segnaliamo come la città di Milano, a differenza di molte altre città italiane, non sia stata interessata dall’aumento dell’Imu

Di seguito un estratto del Sole 24 ore del 2.4.19

Imu, Irpef e tassa di soggiorno: ecco i comuni dove aumentano le imposte

Dopo tre anni di tregua, le imposte locali tornano ad aumentare. In mezzo a qualche rara agevolazione, i bilanci preventivi 2019 dei Comuni mostrano i primi effetti della “mano libera” che l’ultima manovra ha lasciato agli amministratori. L’Imu cresce in quasi una città su dieci (il 9,4%), […] l’addizionale Irpef, invece, aumenta nel 7,3% dei casi.

Sembrano percentuali contenute, ma in molti Comuni le aliquote avevano già raggiunto il massimo nel 2016, quando era scattato lo stop ai rincari. […]

Gli aumenti dell’Imu riguardano in genere tipologie di immobili particolari o utilizzi specifici, che beneficiavano di un regime di favore. Ad esempio, a Pordenone arriva al 10,6 per mille il prelievo sui negozi sfitti (categoria C/1) nel centro cittadino. A La Spezia cresce dal 9,6 al 10,6 l’aliquota sui centri commerciali (D/8). A Torino passa dal 7,6 al 10,6 per mille l’Imu sulle abitazioni concesse dal proprietario in uso gratuito ai parenti; sale al 10,6 per mille anche il prelievo sulle case affittate a canone libero per le quali il locatore aveva concesso uno sconto all’inquilino.

Sempre a Torino, spinta dalle difficoltà del bilancio cittadino, cresce l’Imu sulle case affittate a canone concordato (dal 5,75 al 7,08 per mille). Scelta analoga a La Spezia (dal 4,6 al 6 per mille), espressamente motivata dalla volontà di riassorbire lo sconto statale del 25% varato nel 2016. Di segno opposto la decisione di altre città: limano l’aliquota Firenze (dal 7,6 al 5,7 per mille), Grosseto (dall’8,6 all’8) e Pavia (dal 10,6 al 9,6).

[…]

Vi rimandiamo alla lettura dell’articolo completo:

https://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2019-03-30/imu-irpef-e-tassa-soggiorno-ecco-comuni-dove-aumentano-imposte-091426.shtml?uuid=ABbDkpiB&refresh_ce=1

18 Dicembre: saldo IMU e TASI

Published on :

Ultimo appuntamento dell’anno con le imposte, e questa volta tocca a quelle sulla casa. Entro il prossimo 18 dicembre si deve versare, infatti, il saldo di Imu e Tasi.

Vi segnaliamo questo articolo de La Repubblica – Economia e Finanza, in cui sono specificate le le regole per gli immobili in locazione a canone concordato:

In vista il saldo per Imu e Tasi, le regole per non sbagliare

 

 

15 Gennaio 2019: SCADENZA ISEE

Published on :

I documenti relativi all’ISEE 2018 scadranno il 15 gennaio 2019.

COSA VUOL DIRE?
Gli inquilini che vogliono iscriversi o quelli già iscritti all’Agenzia, che non hanno ancora formalizzato un contratto di locazione,  a partire dal 15 gennaio 2019 devono effettuare il rinnovo ISEE per poter usufruire delle agevolazioni messe a disposizione dall’Agenzia.

IL MODELLO ISEE: DI COSA SI TRATTA
È uno strumento fondamentale per stabilire il quadro generale della situazione economica di ogni nucleo familiare.
La sua presentazione è richiesta in moltissime domande da presentare per poter beneficiare di bonus e sostegni economici che lo Stato mette a disposizione per le famiglie italiane.

L’Agenzia Milano Abitare offre agli inquilini iscritti (o che intendono farlo) gratuitamente la possibilità di chiedere l’ Attestazione ISE/ISEE presso lo sportello sito nella propria sede in Via Felice Orsini 21, attivo il mercoledi’ dalle ore 09,30 alle ore 12,30. Per utilizzare tale servizio, il richiedente previo appuntamento telefonico, deve presentarsi con i documenti necessari per la compilazione della dichiarazione sostitutiva unica scaricabile al seguente link Elenco documenti per Attestazione ISEE 2017.pdf

Elenco Tutor Mediatori Certificati FIMAA

Published on :

A seguito del protocollo che FIMAA Milano Monza & Brianza ha firmato con il Comune di MilanoMilano Abitare Fondazione Welfare Ambrosiano per promuovere il canone concordato è stata costituita una task force di agenti immobiliari che, con la certificazione di un apposito percorso formativo, facilitano l’applicazione del canone concordato. Quaranta agenti immobiliari formati con assegnazione di un apposito attestato e relativa tessera di riconoscimento, in un elenco condiviso con FIMAA e di seguito riportato, così da permettere agli utenti di individuare il professionista adeguato per le esigenze di offerta e di richiesta.

Consulta l’elenco cliccando al link seguente: Mediatori Certificati FIMAA